Tecniche di urlo

Il solito, lucido e ficcante commento di Roberto Galullo:

” […] perché molte forze politiche e una buona parte della classe dirigente (locale e no) si sono affrettate ad attaccare la decisione di sciogliere il consiglio comunale e a difendere l’indifendibile?

Ebbene il perché è molto semplice. Di una banalità sconcertante: uno scioglimento di questo tipo  – ad opera, non dimentichiamolo, della magistratura con le indagini su consiglieri e municipalizzate – rompe il patto tra politica e ‘ndrangheta. Lo scioglimento serve proprio a questo: recidere il cordone ombelicale tra mafie e politica. Tutto questo – si badi bene – ai danni di quella borghesia mafiosa, che governa Reggio, la Calabria.

Dunque non è assolutamente vero, come qualcuno ha sostenuto, che lo scioglimento è il frutto – oltre che della stampa brutta, sporca, cattiva e inevitabilmente comunista – della volontà espressa da una borghesia mafiosa. E’ vero esattamente il contrario: quella cupola fatta di poteri deviati e marci non può assolutamente tollerare che l’amministrazione e il governo di un ente locale – di qualunque colore essa sia – venga interrotta. Soldi, troppi soldi piovono su Reggio: se si commissaria la città, la città stessa morirà di fame.

[…]

Solo ed esclusivamente per questo motivo c’è stata qualche forza politica che, nel mazzo dei difensori della presunta sacralità reggina, ha urlato più forte delle altre. Per mandare un messaggio a quella borghesia mafiosa che governa la Calabria e non solo: “Bboni, state bboni. Calmi, state calmi, stiamo calmi. Rimettiamoci insieme al lavoro: Reggio non può essere che nostra. Il patto poltica-‘ndrangheta sarà ricostituito”.

Ha bisogno di urlarlo pubblicamente. Privatamente non basta, perchè senza l’avallo popolare nelle urne, della parte cieca, connivente o collusa di quella Reggio che del patto vive e si alimenta, quello stesso patto sarebbe poca cosa. E badate che il colore politico non conta.

[Tratto dal blog Guardie o ladri di Roberto Galullo – “OltReggio contiguo/3 – Lo scioglimento spezza il patto tra mafia e politica: la cupola criminale alzerà il tiro sulla magistratura”]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...